Il cielo sopra Parigi

La finale tutta italiana dell’allora Coppa UEFA tra Inter e Lazio della stagione 1997 – ’98, mentre un’altra finale – ma di Coppa dei Campioni – si attendeva speranzosi, quella tra Juventus e Real Madrid, triste precedente ancora attuale.
Il cielo sopra Parigi, quella sera del 6 maggio 1998, si colorò di nerazzurro.
Vent’anni dopo, a riguardare quella finale, sembra impossibile che ci sia stata un’epoca nella quale tre squadre italiane si giocavano la vittoria di due coppe europee. Continue reading

tre stelle

IMG_8475

i nomi sono Hope Solo, Sidney Leroux, Christie Rampone, Becky Sauerbrunn, Kelley O’Hara, Whitney Engen, Shannon Boxx, Amy Rodriguez, Heather O’Reilly, Carli Llyod, Ali Krieger, Lauren Holiday, Alex Morgan, Morgan Brian, Megan Rapinoe, Lori Chalupny, Tobin Heath, Ashlyn Harris, Julie Johnston, Abby Wambach, Alyssa Naeher, Meghan Klimberger, Christine Press.
e sono la nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti, la USWNT, rispettivamente dal numero 1 di maglia al 23. sono i 23 nomi che, sedici anni dopo quel rigore segnato dalla Brandi Chastain contro la Cina nel quale passò alla storia perché rimase in reggiseno sportivo, entrano a loro volta nella storia perché è la squadra della terza stella sulla maglia.
gloriosamente, tre stelle: le più forti di tutte, le più amate, le più grandi. Continue reading

l’Inghilterra è la vera vincente di questo FIFAWWC 2015, le migliori quattro, il calcio è bello un cazzo e il mio nuovo Super Tele

supersantos2

il sorriso delle giocatrici dell’Inghilterra che mordono la medaglia di bronzo è un’immagine completamente differente dalle lacrime inconsolabili della Basset dopo il suo incredibile autogol che, di fatto, ha devastato le speranze inglesi di una storica finale. è l’immagine di ragazze comunque soddisfatte di aver vissuto un momento straordinario della loro storia e della nazionale inglese di calcio femminile. nemmeno nella migliore ipotesi avresti scommesso su un risultato finale come l’Inghilterra terza, nemmeno nei sogni più belli. e invece, moralmente, la vera vincente di questo FIFA Women’s World Cup di Canada 2015 sono proprio loro, le Leonesses. Continue reading

Germania – Francia 1 – 1 (5 – 4 ai rigori): bonjour tristesse

ger-fra2

la piazzetta dove c’è la libreria, la metà dei riminesi non sa nemmeno che abbia un nome. io per prima ci ho messo anni a impararlo, curiosando per altro su una mappa quando ancora non esisteva Google Maps. per tutti era la piazzetta del Black Cock o della Creperia o quella dove c’è Benvenuti. poi Benvenuti, la merceria, si è trasferita, ma questi sono futili dettagli. come per esempio comprenderla nel giro di locali intorno alla Vecchia Pescheria. Continue reading

Norvegia – Inghilterra 1 – 2

nor-ing1

“Ferretti, Molko e gli altri” è la mia Iliade divisa in tre capitoli – il secondo “l’incontro con Niccolò” e il terzo “Finalmente insieme” – che, un giorno, terminerò di disegnare quando troverò un editore. racconta il calcio femminile di provincia, le vicende e i rapporti interpersonali delle ragazze, tra campi spelacchiati nelle zone industriali delle colline riminesi e vite che si incontrano e si incrociano.
Sara, una delle protagoniste, numero 8 della Virtus, già nella seconda pagina vola atterrata da un intervento suicida di una centrocampista della Stella sulla trequarti, mentre Simona, la sorella, Bea e Ale osservano oltre la rete la partita. Cate e Nice hanno un matrimonio dal quale sganciarsi e sono in ritardo. non vedono il fallo; non vedono lo sguardo killer di Eli, il portiere della Virtus e compagna di Ale, a Bea; non vedono Eli che si avvicina alla rete per informare le ragazze sulle condizioni di Sara; non vedono l’1 – 1 finale. Niccolò, infatuato di Sara, arriva sempre dopo il fischio d’inizio e se ne va prima della fine per non farsi scorgere tra gli spettatori da lei. Continue reading

Brasile – Australia 0 – 1

bra-aus1

laggiù, proprio laggiù.
è quello che pensa Paul scostando con due dita la tenda e guardando fuori dalla finestra della cucina. Sarah arriva sbadigliando e stirando la schiena. si siede sullo sgabello del tavolo della penisola aspettando che la macchina del caffè si scaldi.
“piove.” le dice Paul. Sarah sbadiglia ancora appoggiando la mano sul volto a coprire la bocca spalancata e gli occhi strizzati che già lacrimano. Continue reading

Francia – Corea del Sud 3 – 0

fra-cds2

la vittoria della Francia sulla Corea del Sud è racchiusa nella corsa di esultanza della Laure Boulleau.
è una corsa oltre la linea di fondo campo, quando la rete si è già gonfiata e la Boulleau ha appena crossato il pallone diagonalmente all’indietro per i piedi della Delie. è una corsa rallentata per riprenderla tornando indietro verso la Louisa Necib nell’angolo alto di sinistra dell’area coreana, abbracciandola. è una corsa dalle braccia stese indicando la Necib quasi a dirle: hai visto cosa hai scatenato?

Continue reading

Francia – Colombia 0 – 2

fra-col5

non è stato facile arrivare alla decisione di lasciare Biskra. non è mai facile ammettere a se stessi che non c’è futuro nella città in cui sei nato e hai vissuto fino a quel momento e avere il coraggio di lasciarsi tutto alle spalle e ricominciare da un’altra parte. ma almeno una certezza c’era. l’altra parte aveva un nome e una nazione: Marsiglia, Francia. Continue reading

Germania – Norvegia 1 – 1

ger-nor1

Germania – Norvegia è una finale travestita da una qualunque partita del girone. ma non è il 5 luglio, è solo l’11 giugno 2015.
l’attesa e la curiosità è simile a quella delle grandi partite, quelle che speri siano ben giocate e per cui l’emozione non inchiodi le gambe, o, peggio ancora, che si perda in un tatticismo a centrocampo da latte alle ginocchia. Continue reading

Brasile – Corea del Sud 2 – 0

bra-cds3

ero a San Mamede, ad appena tre, quattro chilometri da Sarria.
San Mamede è un albergue privato lungo il Cammino di Santiago. cornice splendida in mezzo a un prato verde, casettine basse e con un portico che correva ad u lungo la struttura, mentre Maria, la polacca che parlava spagnolo suonava il pianoforte, io camminavo a piedi scalzi sull’erba. tra tre vasi decorativi, un pallone dagli esagoni verde – oro riposava placido. Continue reading