Francia – Corea del Sud 3 – 0

fra-cds2

La vittoria della Francia sulla Corea del Sud è racchiusa nella corsa di esultanza di Laure Boulleau.
È una corsa oltre la linea di fondo campo, quando la rete si è già gonfiata e Boulleau ha appena crossato il pallone diagonalmente all’indietro per i piedi di Delie, è una corsa rallentata per riprenderla tornando indietro verso Louisa Necib nell’angolo alto di sinistra dell’area coreana, abbracciandola, è una corsa dalle braccia stese indicando la Necib quasi a dirle: hai visto cosa hai scatenato?

Continue reading

Francia – Colombia 0 – 2

fra-col5

Non è stato facile arrivare alla decisione di lasciare Biskra. Non è mai facile ammettere a se stessi che non c’è futuro nella città in cui sei nato e hai vissuto fino a quel momento e avere il coraggio di lasciarsi tutto alle spalle e ricominciare da un’altra parte. Ma almeno una certezza c’era. L’altra parte aveva un nome e una nazione: Marsiglia, Francia. Continue reading

Germania – Norvegia 1 – 1

ger-nor1

Germania – Norvegia è una finale travestita da una qualunque partita del girone. Ma non è il 5 luglio, è solo l’11 giugno 2015.
L’attesa e la curiosità è simile a quella delle grandi partite, quelle che speri siano ben giocate e per cui l’emozione non inchiodi le gambe, o, peggio ancora, che si perda in un tatticismo a centrocampo da latte alle ginocchia. Continue reading

Colombia – Messico 1 – 1

col-mes6

Colombia – Messico si gioca martedì 9 giugno allo stadio omonimo di Moncton.
Sono le 22 di sera ora italiana e rispetto all’orario della FIFA  – che la faceva iniziare alle 21 -, in realtà è in contemporanea con Spagna – Costa Rica.
Lo ammetto, ho provato a fare zapping, ma il rischio era di non riuscire a seguire decentemente nessuna delle due partite. Così, ho dovuto scegliere. E ho scelto le due esordienti alla fase finale di un Mondiale – (in diretta) e quindi una partita storica per le statistiche – e la Spagna: ragioni di cuore e di ricordi (sono tornata da tre settimane dal Cammino di Santiago e in Spagna ho vissuto nell’ultimo mese e mezzo). Continue reading

Francia – Inghilterra 1 -0

fra-eng1

Il pubblico sugli spalti al Moncton Stadium il 9 giugno…

A Moncton le nuvole arrivano velocemente a oscurare il cielo aiutate da un vento tagliente e obliquo. Non è proprio il tempo con cui hai voglia di uscire, al contrario, fosse di domenica divano e tè caldo non te lo toglie nessuno.
Chissà se una delle ragazze francesi ha avuto un momento durante il riscaldamento che ha osservato il cielo grigio pensando che almeno non avesse piovuto, sarebbe stato meglio. Magari Eloide Thomis che, dietro quella scorza da dura, forse ha una sua sensibilità, o Laure Boulleau, anche se a Clermont – Ferrand dov’è nata il tempo spesso si presenta così. Ma si stanno giovando un Mondiale e non c’è proprio interesse nel pensare al tempo. Alle inglesi sicuramente non è passato nemmeno nell’anticamera del cervello un pensiero simile, abituate come sono al grigiore unico e piovoso della loro isola. Ma probabilmente no, nessuna delle giocatrici si è lasciata deconcentrare da pensieri filosofici e scaramantici. In fondo, il tempo non era bello nemmeno all’esordio contro il Portogallo, partita vinta anch’essa per 1 – 0 e sempre con una rete di Eugenie La Sommer. Ma almeno non pioveva. Continue reading

USA – Australia 3 – 1

usa-aus8

Il calcio è un gioco scaramantico.
Solo chi non ha mai vissuto il pre partita in uno spogliatoio qualsiasi – che fosse quello a Viserba di Rimini vicino alla fonte dell’acqua potabile a quello del campo sulla statale verso Riccione delle docce dalle porte assenti a quello di uno stadio vero come il Winnipeg -, non può sapere che quando varchi quella soglia illuminata da neon freddi e vai verso la tua maglia appesa – la mia era sempre piegata nella borsa e, disfatta, la appoggiavo dove trovavo spazio sulla panca – ognuno ha il suo scaramantico modo di vestirsi. Continue reading