Domenica

Una domenica di sole, un giro in spiaggia con lo sport in cuffia.

La Liegi – Bastogne – Liegi su Eurosport.
Chievo – Inter su SkySport1.
Altro sport sulla Rai, come per esempio il calcio femminile, con Pink Bari – Empoli Ladies.
E poi la mia adorata Radio1 con Tutto il calcio minuto per minuto.
La spiaggia di velluto davanti, il mare poco oltre. Qualche lettino e i primi non tanto coraggiosi vestiti (c’è vento, non è proprio caldissimo, al sole sì, ma all’ombra no), come Ila.
L’ultima volta, in una situazione simile, l’ho ritrovata fatta duna. Non l’auto, la duna di sabbia. Io ai tavolini, mi sono portata da disegnare.
Intorno urla di bambini e due, in particolare, che lanciano sabbia per farla portare dal vento. Verso di me.
😑 L’Inter ha appena segnato, la Ternana vince. Del ciclismo ancora nessuna notizia. Anche l’Atalanta con Freuler ha segnato.
Il cielo terso.
Una vela bianca sulla linea orizzontale dell’Adriatico.
L’odore di fumo di sigaretta nell’aria ‘che adesso che ho smesso mi manca tanto.
Le prime infradito dai colori sgargianti nella sabbia calzate da piedi bianchissimi e invernali.
Questa sera teatro.
Sì, mi perdo Juventus – Napoli.
Ma Mattia Torre, il regista e sceneggiatore (uno dei) prima di “Boris” e poi (unico) de “La linea verticale” presenta questo “4,5,6”.
Spezzoni di momenti.
Il Torino ha pareggiato intanto con l’Atalanta e l’Inter ha raddoppiato.

Say Something