Le arance rosse di Libera

Una spremuta con le arance rosse coltivate nelle terre confiscate alla mafia.

Quando ero piccola non mi piacevano le arance.
Nella spremuta mi dava fastidio sentire qualcosa che non era liscio, così, mia madre doveva passare qualunque alimento, che fosse il minestrone o la zucca, o il cavolfiore, persino le arance della spremuta.
Poi sono diventata grande, una donna che va a fare la spesa e che ha imparato a mangiare le verdure nella loro forma – cucinata – originaria e a bere le spremute dalle arance vere, e non il succo. nel tetrapak.
Poi sono diventata grande, una donna che, lavorando, ha capito la legalità, la qualità, e la necessità nel riconoscere ciò che in cui vale la pena credere.
Libera Contro Le Mafie è un’associazione che lotta, quotidianamente, contro qualunque tipo di mafia e corruzione.
È vero, i prodotti di Libera costano qualche euro in più. Ma se per ogni centesimo di euro che spendo, io so che le arance o il vino sostengono una causa giusta e importante, ebbene, io li spendo.

Say Something