La magia

La magia della genesi: la china, il colore, la stampa.

Ha un che di magico riguardare gli originali di un fumetto su cui ho lavorato per quasi un anno. Quando si prende in mano il volume stampato, si sa che è quello che andrà tra tante mani, osservato da tanti occhi, in un qualche modo “lasciato andare”. E va bene così, assolutamente.
Ma gli originali sono qui, miei, che posso riprendere e sfogliare. E perdermici.
Ha un che di magico, sì, dicevo; forse nostalgia, chissà, malinconia. Non che sia diversa ora, la mia vita: ma quello che io vedo sì. Quasi che quando mi capiterà di fare le dediche andrò in panne, perché è da un anno che non disegno più così. Io mi sento diversa, tanto. E il fumetto nuovo, in questo senso, non aiuta in questa “trasformazione”.
E ha un che di magico ripensare a quei giorni, alle fasi di lavoro e al risultato finale.
Sì, magico.

Say Something